..E TU CHE POSIZIONE HAI SUL NUCLEARE?

Vi sarà sicuramente capitato di vedere in tv, su un cartellone per strada o di sentire alla radio, la pubblicità di Forum Nucleare Italiano. Lo slogan propone di riflettere su una tematica calda negli ultimi tempi, il nucleare in Italia. Ma non si ferma allo spunto di riflessione, invita i cittadini italiani a prendere una posizione in merito. Questa mi sembra un’ottima idea: è diritto e dovere di ogni cittadino avere la possibilità di informarsi, documentarsi ed esprimere il proprio punto di vista circa un argomento molto importante e anche molto delicato. Ma chi ci sta proponendo tutto questo?

E’ d’obbligo porsi questa domanda, dopo aver ascoltato lo spot televisivo in cui due persone esprimono il proprio punto di vista; perchè solo apparentemente la discussione è oggettiva e imparziale. Basta prendere in considerazione le motivazioni della persona che si schiera a favore del nucleare in Italia:

“Sono contrario all’energia nucleare perchè mi preoccupo per i miei figli”

“Io sono favorevole, perchè tra 50 anni non potranno contare solo sui combustibili fossili”

In questa frase si nasconde solo una mezza verità: è vero che tra 50 anni non si potrà contare solo sui combustibili fossili, anzi, c’è chi finalmente se ne rende conto! Ma in questa frase, sembra che non ci siano altenative: o i combustibili fossili, il carbone e il petrolio, o energia nucleare. Nello spot si sono dimenticati di menzionare una serie di altre energie da fonti rinnovabili come ad esempio il solare, l’eolico o la geotermia! Delle valide alternative sicure, ai combustibili fossili. Proseguendo con la discussione le due parti dicono: 

“Ci sono dei dubbi sulle centrali”

“ma non ce ne sono sulla sicurezza”

Quest’ultima osservazione non è fuorviante o di parte, è semplicemente falsa!

Durante il normale funzionamento di una centrale nucleare, in assenza di incidenti, vengono emesse radiazioni. Sappiamo già che cosa comportano per i lavoratori e gli abitanti nei pressi delle centrali nucleari.

Una recente ricerca epidemiologica tedesca ha messo in evidenza che le leucemie nei bambini nei pressi delle centrali aumentano fino a 3 volte e che anche i lavoratori e gli abitanti vicini subiscono danni alla salute.

Inoltre bisogna considerare i danni causati dagli incidenti occasionali, dal 2000 al 2007 ne sono stati registrati ufficialmente 15; e un altro piccolo particolare: lo smaltimento delle scorie radioattive.

Non è stato ancora trovato un metodo sicuro per eliminare le scorie prodotte dal processo di fusione, che continuano ad  emettere radiazioni per decine di migliaia di anni, anche se sotterrate a grandi profondità nel sottosuolo.

Perciò torniamo alla domanda iniziale: chi sta proponendo di prendere una decisione circa il nucleare in Italia? Se avete dei dubbi in merito allo spot pubblicitario e alla posizione da prendere, andate a visitare il Forum Nucleare Italiano, e leggete con attenzione chi sono i soci che stanno portando avanti questo progetto. Troverete nomi di impotranti aziende interessate all’installazione di centrali nucleari come Areva, E.ON, EDF, Edison, Federprogetti, GDF Suez, Sogin, Stratinvest Energy, Terna etc..

Troverete anche un blog e diversi pareri discordanti perchè, almeno nel sito, hanno dato spazio anche a chi pensa che il nucleare sia pericoloso e dannoso per il nostro Paese.

LEGGETE LA LETTERA CONTRO IL NUCLEARE DI VITTORIO COGLIATI DEZZA – PRESIDENTE DI LEGAMBIENTE

Dunque documentatevi, leggete e informatevi, perchè entro giugno 2011 ci sarà un referendum sul nucleare in Italia; ed è diritto e dovere di ciascun cittadino esprimere consapevolemente la propria opinione e posizione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...